logo argo

Concorrenza Sleale

Indagini per Concorrenza Sleale

 

L’agenzia investigativa Argo si occupa di raccogliere informazioni e prove atte a documentare in fase di giudizio la concorrenza sleale e tutti gli atti illeciti perpetuati nei vostri confronti e punibili a norma di legge. Vengono, inoltre, condotte indagini investigative atte ad individuare comportamenti illeciti lesivi posti in essere dai concorrenti. L’agenzia investigativa opera con i propri investigatori privati in tutto il mondo.

Il reato di concorrenza sleale è regolato dagli articoli 2598 e 2600 del Codice Civile. Il primo contempla la clausola generale idonea a comprendere tutti gli atti di concorrenza sleale non tipizzati, come avvalersi di ogni mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale per screditare un prodotto o un’azienda. Il secondo articolo, invece, prevede che chiunque sia danneggiato da comportamenti di concorrenza sleale può chiedere il risarcimento del danno anche ricorrendo a verifiche e prove raccolte da agenzie di investigazioni private.

Gli atti che segnalano una concorrenza sleale sono:

Uso di segni distintivi che producono confusione con i nomi o i loghi usati e registrati da altri;

Imitazione dei prodotti di un concorrente;

Diffusione di notizie con lo scopo di ledere la reputazione dei prodotti e dell’attività di un concorrente;

Atti di vanteria;

Storno dipendenti;

Boicottaggio;

Spionaggio;

Dumping.

Inoltre, atti di concorrenza sleale possono essere posti in essere anche dal dipendente sul quale incombe uno specifico obbligo di fedeltà ai sensi dell’art. 2105 c.c. che stabilisce che “il prestatore di lavoro non deve trattare affari, per conto proprio o di terzi, in concorrenza con l’imprenditore, né divulgare notizie attinenti all’organizzazione e ai metodi di produzione dell’impresa, o farne uso in modo da poter recare ad essa pregiudizio”.

Il lavoratore, quindi, non può porre in essere condotte lesive degli interessi del datore di lavoro o idonee a minare il rapporto di fiducia che sussiste tra le due parti. La Corte di Cassazione, Sez. Lavoro, con sentenza n. 8131/2017, ha chiarito che l’obbligo di fedeltà previsto dall’articolo 2105 del codice civile deve intendersi come “divieto di abuso di posizione attuato attraverso azioni concorrenziali e/o violazioni di segreti produttivi o come divieto di condotte che siano in contrasto con i doveri connessi all’inserimento del dipendente nella struttura e nell’organizzazione dell’impresa o che creino situazioni di conflitto con le finalità e gli interessi della medesima o che siano, comunque, idonee a ledere irrimediabilmente il presupposto fiduciario del rapporto”.

Con la sentenza n. 3739/2017, la Cassazione ha inoltre stabilito che impossessarsi di documenti aziendali di natura riservata implica una grave violazione dell’obbligo di fedeltà anche nell’ipotesi in cui la divulgazione non avvenga poiché impedita dal tempestivo intervento del datore di lavoro.

Infatti, per la violazione dell’art. 2105 c.c. non è necessario che ricorrano tutti gli elementi della fattispecie, visto che l’obbligo di fedeltà deve essere integrato con i generali obblighi di correttezza e buona fede di cui agli art. 1175 e 1375 c.c.

Azioni simili danneggiano enormemente l’attività, oltre a provocare gravi perdite economiche, minano il vostro futuro e quello della vostra azienda. Un colloquio approfondito con i nostri investigatori privati esperti del problema, permetterà di affrontare e risolvere con successo questi comportamenti concorrenziali scorretti, che spesso sfociano in illeciti punibili a norma di Legge.

Prenditi qualche minuto e invia le tue richieste, torneremo con una soluzione

Ho letto la privacy policy

6 + 12 =

Pagamenti Online o in Sede con tutte le più comuni Carte di Credito

Agenzia Certificata per la Gestione del Sistema di Qualità (ISO 9001) e gestione per la Sicurezza delle Informazioni (ISO 27001)

Licenza Investigativa Protocollo Nr. 46633/Area | TER O.S.P. Rilasciata dalla Prefettura di Roma

P.I. 15137521009

TEL H24 : ROMA : +39 06 39738131 MILANO : +39 02 80897079 TORINO : +39 011 0252907 LONDON : +44 2081878443 TEL H24 : ROMA : +39 06 39738131 MILANO : +39 02 80897079 TORINO : +39 011 0252907 LONDON : +44 2081878443 TEL H24 : ROMA : +39 06 39738131 MILANO : +39 02 80897079 TORINO : +39 011 0252907 LONDON : +44 2081878443 TEL H24 : ROMA : +39 06 39738131 MILANO : +39 02 80897079 TORINO : +39 011 0252907 LONDON : +44 2081878443